fbpx

Dal panettone gastronomico ai grassi saturi: gli zuccheri semplici e complessi nell’organismo

Gli zuccheri fanno bene o male? A seguire, tre ricette per una merenda SANA e GOLOSA

Lo zucchero è un elemento fondamentale per il nostro organismo perché è in grado di dare un’ energia immediata, senza la quale non avremmo le forze di fare nulla. Troppi glucidi nel sangue, però, possono causare sintomi come stanchezza e giramenti di testa. Non solo, perché se assunti in quantità eccessiva provocano un accumulo di riserve di grasso.
Ma come funziona il percorso degli zuccheri all’interno dell’organismo?

In questo articolo vi daremo tutte le indicazioni per scoprire cosa succede al nostro corpo quando mangiamo troppi zuccheri, a partire dalla fetta di panettone. Leggete fino in fondo: per voi tre ricette per i DOLCI di Natale facili, senza sensi di colpa!

Partiamo subito con un esempio

La fetta di panettone è fatta di carboidrati, che contengono zuccheri complessi, e da altri zuccheri semplici.
Una volta mangiata, i glucidi raggiungono il sangue e vengono poi convertiti in glucosio.
A questo punto, possono prendere varie destinazioni.
1) Alcuni vengono usati dalle cellule del sangue e per soddisfare le richieste metaboliche del fegato.
2) Altri vengono convertiti in glicogeno, che, in sostanza, svolge la stessa funzione della cantina di casa: contiene le riserve per i «giorni di magra». Il glicogeno infatti è la riserva corporea di zuccheri del nostro organismo, che vengono messi da parte per le situazioni in cui un soggetto potrebbe trovarsi senza energia, fiacco.
3) Altri ancora sono trasformati in trigliceridi, con funzione di riserva energetica concentrata, utilizzata per isolare e proteggere gli organi come reni e fegato. Attenzione ai trigliceridi alti nella vostra dieta!

Zuccheri semplici e complessi continuano a viaggiare

La destinazione dei glucidi, e quindi della fetta di panettone, varia a seconda dello stato di salute del soggetto, della sua condizione fisica e del suo stile di vita.
Quando le scorte di glucosio si riempiono, cioè quando la nostra cantina comincia a straripare, il fegato è costretto a convertire l’eccesso di zuccheri in tessuto adiposo di riserva.
Il fegato, inoltre, regola la glicemia anche attraverso vari ormoni, come il glucagone e l’ insulina, che agisce a livello del tessuto adiposo, aumentando l’assorbimento degli zuccheri e stimolando il suo deposito sotto forma di trigliceridi.

GLICEMIA alta, bassa, valori

Per indicare la concentrazione di glucosio nel sangue si usa il termine glicemia. In una persona sana questo parametro oscilla, a digiuno, tra gli 80 ed i 100 mg/dl.
In un individuo sano, la glicemia rimane relativamente costante durante le 24 ore, anche se necessariamente varia a seconda delle nostre attività.
Al termine di un pasto, infatti, i valori glicemici si attestano intorno ai 130-150 mg/100 ml.
Se non si mangia per un certo periodo di tempo, o dopo uno sforzo fisico intenso, invece, la glicemia scende a 60-70 mg/dl.

Pochi zuccheri durante la dieta, ma durante le feste?

Quando il problema è un accumulo di riserve di glucidi nel corpo, e quindi riserve di grasso, è consigliabile scegliere poveri o senza zuccheri aggiunti, soprattutto se semplici.
Ma come fare durante il periodo delle festività natalizie, in cui i dolci di Natale, alcuni anche facili e veloci da fare, sono sempre dietro l’angolo?
I prodotti Tisanoreica offrono diverse soluzioni: snack dolci ma senza zucchero e burro, con pochi carboidrati e proteici. Le proteine vegetali e di origine animali sono ricche di aminoacidi, mattoncini che servono a riparare i muscoli e ad avere un aspetto sano, sia per la pelle, sia per il corpo.
Non proponiamo un regime iperproteico, ma la possibilità di introdurre più proteine a fronte di un’alimentazione, specialmente quella di dicembre e gennaio, che tende spesso ad assumere troppi carboidrati e zuccheri.

È quindi possibile mangiare dolci senza ingrassare?
La risposta è sì!
Ecco qui qualche ricetta di dolci natalizi senza zucchero che potrete divertirvi a fare sotto l’albero, proprio per le feste di Natale!

KINDER STECCO MINI

INGREDIENTI per 2 persone

🔘 1 𝘧𝘦𝘵𝘵a 𝘣𝘪𝘴𝘤𝘰𝘵𝘵𝘢𝘵a 𝘛𝘪𝘴𝘢𝘯𝘰𝘳𝘦𝘪𝘤𝘢
🔘 2 𝘣𝘪𝘴𝘤𝘰𝘵𝘵𝘪 𝘤𝘪𝘰𝘤𝘰𝘮𝘦𝘤𝘩 𝘯𝘰𝘤𝘤𝘪𝘰𝘭𝘦-𝘤𝘪𝘰𝘤𝘤𝘰𝘭𝘢𝘵𝘰
🔘 10 𝘨𝘳 𝘥𝘪 𝘰𝘭𝘪𝘰 𝘥𝘪 𝘤𝘰𝘤𝘤𝘰
🔘 1 𝘗𝘈𝘛 𝘢𝘭 𝘨𝘶𝘴𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘓𝘢𝘵𝘵𝘦 𝘦 𝘔𝘦𝘳𝘪𝘯𝘨𝘢
🔘 1 𝘗𝘈𝘛 𝘢𝘭 𝘨𝘶𝘴𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘴𝘵𝘳𝘢𝘤𝘤𝘪𝘢𝘵𝘦𝘭𝘭𝘢
🔘 1 𝘗𝘈𝘛 𝘢𝘭 𝘨𝘶𝘴𝘵𝘰 𝘥𝘪 𝘤𝘢𝘤𝘢𝘰
🔘 𝘊𝘪𝘰𝘤𝘰 𝘮𝘦𝘤𝘩 𝘤𝘳𝘦𝘢𝘮 𝘲𝘣
🔘 1 𝘗𝘳𝘢𝘭𝘪𝘯𝘢 𝘢𝘭 𝘨𝘶𝘴𝘵𝘰 𝘯𝘰𝘤𝘤𝘪𝘰𝘭𝘢

PROCEDIMENTO
Tritare un biscotto secco e la fetta biscottata Tisanoreica (tenere l’altro biscotto da parte).
Aggiungere circa un cucchiaio di PAT al latte, l’olio di cocco sciolto e formare un composto sabbioso.
Schiacciare il composto all’interno di uno stampo in silicone per gelati e inserire in freezer per almeno 20 minuti.
Tirare fuori, versare il rimanente della bevanda al latte&meringa e rimettere in freezer per una ventina di minuti.
Tirare fuori, versare uno strato di bevanda al cacao e rimettere in freezer.
Tirare fuori, versare la bevanda alla stracciatella e rimettere in freezer.
Tritare grossolanamente l’ultimo biscotto, tirare fuori lo stampo e spolverarlo insieme ad un po’ di cacao amaro.
Conservare per in freezer e mettere in frigo circa 1 ora prima di consumarli.
Poco prima di servirli, decorare con la crema alle nocciole Tisanoreica e con una pralina tritata grossolanamente.

Qui puoi vedere la nostra VIDEORICETTA!!

TIRAMISU TISANOREICA

INGREDIENTI per 4 persone
🔘 2 confezioni CIOCOMECH con base di cioccolato
🔘 2 tazzine di caffè allungato con altrettante tazzine d’acqua
🔘 5 gocce di TisanoSweet
🔘 3 PAT al gusto Vaniglia
🔘 Cacao amaro qb


PROCEDIMENTO
Dolcificare il caffè con Tisanosweet.
Bagnare i frollini nel caffè e adagiare su un contenitore (preferibilmente in vetro).
Shekerare il pat alla vaniglia, avendo cura di non farlo troppo liquido (consistenza budinosa).
Adagiare la crema sopra i biscotti.
Spolverare di cacao amaro e di un frollino sbriciolato.
Fare un altro strato di biscotti bagnati di caffè.
Adagiare altra crema, decorare con un altro frollino sbriciolato e del cacao amaro.

Qui puoi vedere la nostra VIDEORICETTA!!

CREPES ALLA NOCCIOLA

INGREDIENTI
🔘 1 Confezione crepe al gusto neutro
🔘 1 filo di olio di semi di girasole
🔘 Cioco mech cream qb

PROCEDIMENTO
Shakerare il pat in modo da creare un composto dalla consitenza abbastanza liquida. Spolverare una padella antiaderente con un filo di olio di semi di arachidi, adagiare la quantità di mezzo mestolo, coprire con un coperchio, abbassare la fiamma e cuocere per circa 5 minuti.
Girare la crepes e mentre finisce di cuocere dall’altra parte, versare la ciocomech cream.
Chiudere la crepe e servire calda.